La crescita del giovane ciclista

La crescita del giovane ciclista.

 

L’iter di crescita per allenare un bambino che vuole divenire un ciclista da adulto, segue degli step, che devono tener conto dell’età, e del sesso del ragazzino/a, nonchè di quelli che sono i carichi di lavoro, intesi come volumi ed intensità, adatti ai vari stadi evolutivi.

Di notevole, se non di fondamentale importanza, sono i lavori di propedeutica dedicati all’equilibrio e guida della bicicletta nelle situazioni ordinarie, come curvare, frenare, saltare, sorpassare, sia nelle situazioni di emergenza o pericolo.

accelerare le tappe evolutive, spingendo il bambino ragazzo verso un esagerato agonismo, potrebbe, oltre che vanificare il lavoro fatto, indurre una precoce maturazione muscolare, a discapito della maturazione del sistema nervoso, con conseguenze future disastrose dal punto di vista atletico. Spesso si assiste a ragazzi, che nell’età evolutiva, maturano prima di altri,; a parità d’eta, sembrano essere più adulti. Ne consegue più forza e prestazioni maggiori. Tale situazione andrebbe gestita, senza voler far vincere il più possibile il ragazzo, che esaltato dalle prestazioni si gongolerebbe di tale vantaggio. Cessata la spinta ormonale precoce, si troverebbe poi svantaggiato nelle categorie superiori quando gli altri atleti maturano come lui, i quali però hanno accompagnato la crescita muscolare e quella del sistema nervoso di pari passo.